L’Associazione Vite in Viaggio propone per l’Elefante Festival una Passeggiata urbana interculturale con l’obiettivo di dar vita ad un percorso in grado di favorire la coesione sociale, in un’era in cui le trasformazioni sociali, culturali, demografiche ed economiche hanno aumentato la vulnerabilità dei cittadini.

Il percorso della passeggiata si snoderà nel centro di Padova e porterà ad incontrare, attraverso tre soste, ingredienti e cibi di culture diverse. Le soste saranno tre ristoranti, uno storico, uno nuovo e uno migrante e saranno occasione per approfondire la conoscenza di ingredienti e pietanze, i loro usi e le loro peculiarità.

A guidare i partecipanti nel cammino saranno alcuni giovani immigrati di prima e seconda generazione, che aiuteranno a scoprire Padova attraverso uno sguardo “altro”.  L’idea, infatti, è quella di ribaltare la logica, rovesciare la prospettiva, offrire ai padovani di nascita la possibilità di vedere cose nuove anche in quei luoghi che nuovi non sono.  Un’esperienza di incontro, da vivere insieme!

 

Organizzatore: Vite in Viaggio

L’Associazione Vite in Viaggio si è costituita in seguito alla I edizione del Festival della Lentezza, ormai quasi 10 anni fa. L’idea del Festival nasce dalla convinzione che rallentare non vuol dire fermarsi, ma saper guardare in modo diverso la realtà che ci circonda; più che una “diminuzione di movimento” si tratta di un modo diverso d’interagire. Affrontare il presente con la consapevolezza che le scelte di oggi influiranno sul mondo di domani.

Il successo di pubblico e critica ci hanno permesso di proporre un evento che vuole, innanzi tutto, veicolare un messaggio di rispetto nei confronti degli altri e dell’ambiente che ci circonda. L’Associazione, anche grazie alle numerose collaborazioni instaurate con altre realtà del terzo settore, durante tutto l’anno propone, in particolar modo, alcune attività ludico-ricreative volte alla valorizzazione del territorio ed alla sua vivace rete relazionale. Riscoprire luoghi dimenticati, valorizzare tradizioni ormai in disuso significa non disperdere quell’immenso patrimonio culturale che costituisce la nostra identità senza però tralasciare quelle preziose contaminazioni che provengono dall’incontro con culture diverse dalla nostra.